Rigore didattico e aspetti metodologici e organizzativi

1. LA TECNOLOGIA DELLA PIATTAFORMA
Il sistema e-Learning si appoggia su una piattaforma informatica appositamente progettata al fine di erogare corsi on-line e di gestire la comunità degli utenti.

2. I RIFERIMENTI NORMATIVI
La formazione dei lavoratori sulla sicurezza e salute sul lavoro attraverso la metodologia "e-Learning" è disciplinata dall'Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011. Nell'Accordo sono definiti i criteri e le condizioni che consentono l'utilizzo di questa metodologia ed è indicato per quali corsi ne è permesso l'utilizzo.

3. LE CARATTERISTICHE DELL’E-LEARNING
L’Accordo specifica che l’e-Learning utilizza la piattaforma informatica come strumento di realizzazione di un percorso di apprendimento dinamico che consente al discente di partecipare alle attività didattico-formative in una comunità virtuale.

4. LA PROGETTAZIONE DEI CONTENUTI
La qualità e l'efficacia di un sistema e-Learning dipende da come è progettata la piattaforma, il corso e i suoi contenuti. È necessario progettare un corso che sia in grado di comunicare con chiarezza ed efficacia all'utente. Quando necessario, deve essere prevista una preventiva verifica della comprensione linguistica (soprattutto per utenti stranieri) prima che questi possano accedere al corso. Nel corso, il docente deve utilizzare un linguaggio chiaro e comprensibile; i contenuti scritti presentati devono essere facilmente leggibili; i filmati di approfondimento devono rendere chiaramente comprensibili gli esempi a cui si riferiscono; i documenti di approfondimento devono consentire all'utente incrementare le informazioni di base fornite dal corso; i test di verifica dell'apprendimento devono presentare domande progettate in modo che siano facilmente comprensibili, adeguate ed inerenti ai contenuti delle lezioni ed esposte in modo casuale per garantire l'impossibilità di proporre test uguali a diversi utenti e in caso di mancato superamento da parte dell'utente; la durata del corso deve rispondere alle richieste di legge; il tempo di fruizione deve essere misurabile in modo effettivo, registrando questo ci impiega l'utente a prendere visione dei vari componenti del corso, senza applicare nessun coefficiente "inventato" (ad es. assumendo che un'ora di e-Learning equivale a 2 ore d'aula).

5. L'E-TUTOR
L'attività didattica e-Learning deve sempre essere assistita da un e-tutor a disposizione dell'utente per garantire la costante raccolta di osservazioni, esigenze e bisogni specifici degli utenti assistendolo nel suo percorso didattico. La reportistica dell'attività degli utenti in formato elettronico consente il grande vantaggio di effettuare statistiche ed analisi sull'andamento dei corsi da parte dell'e-tutor e del soggetto formatore.

6. IL RIGORE DIDATTICO
È di fondamentale importanza che il sistema e-Learning sia progettato per offrire il massimo rigore didattico tecnicamente possibile. Ogni componente didattico del corso deve essere visto per intero dall'utente per essere dato per acquisito dal sistema. Devono essere previste delle prove di autovalutazione distribuite lungo il percorso formativo. Il superamento del test di verifica, in itinere e finali, deve avvenire soltanto con la percentuale di sufficienza considerata necessaria per il tipo di corso (almeno l'80% di risposte esatte) da parte dell'utente. Tale controllo di sistema non può in alcun modo essere by-passato dall'utente. Dove necessario per alcune tipologie di corsi, devono essere previste esercitazioni scritte da parte dell'utente che devono essere controllate dall'e-tutor prima di consentire all'utente la prosecuzione o la chiusura del corso.

7. L'ARCHITETTURA TECNOLOGICA
È importante che la piattaforma sia stabile dal punto di vista software e si appoggi su infrastrutture informatiche adeguatamente strutturate per reggere il traffico degli utenti e sicure per garantire la tutela dei dati personali trattati. Un sistema e-Learning deve essere stabile nel tempo e funzionare anche in caso di picchi di utenti che vi si collegano. È importante quindi che l'infrastruttura tecnologica su cui si appoggia sia ben strutturata e ben assistita in server farm che garantiscano continuità del servizio 24 ore su 24, idonei sistemi di back-up e di ripristino, connettività suppletive ed alternative in caso di cadute di linea o picchi di traffico e sistemi di gestione dei dati contenuti tali da garantirne la riservatezza.

8. LE CONDIZIONI PER L'UTILIZZO DELL'E-LEARNING
L'azienda che utilizza la modalità e-Learning per la formazione dei suoi lavoratori deve assumersi la responsabilità rispetto al fatto che si impegna a:

  • rendere disponibili all'utente le attrezzature idonee e necessarie alla fruizione del corso;
  • vigilare perché questa avvenga in orario di lavoro;
  • vigilare perché solo l'utente iscritto segua il corso.

9. IL CONTROLLO DELL'ATTIVITÀ DIDATTICA
Un sistema e-Learning adeguatamente progettato consente la possibilità da parte di un organismo di vigilanza di operare attività di verifica on-line su ciascun utente. L'amministratore dei corsi deve avere la possibilità di controllare in ogni momento la situazione del percorso formativo dell'utente, accedendo ai dati dei "LOG" dell'utente ovvero il numero delle volte in cui egli è entrato nel sistema didattico con data, ora e durata della connessione; i corsi, le unità didattiche e le singole parti del corso svolte con i dati di valutazione dell'efficacia del corso svolto. La durata della formazione deve essere validata dal tutor del corso.

 
10.  I REQUISITI DI SISTEMA PER LA FRUIZIONE DEI CORSI IN E-LEARNING
I requisiti di sistema per fruire i corsi on-line sulla piattaforma e-Learning sono:
Browser per internet aggiornato (Internet Explorer, Firefox, Chrome, Safari, Opera o la rispettiva versione mobile dei browser medesimi)
Dispositivo (MAC, PC, tablet o smartphone iOS / Android / Windows Phone) connesso ad internet tramite banda larga (ADSL / fibra o 3G / HSDPA / HSUPA)
 
11. COLLABORAZIONE CON ORGANISMI PARITETICI
Alcune tipologie di corsi richiedono la richiedta da parte del Datore di Lavoro di una collaborazione con l'organismo paritetico di riferimento per tipologia di contratto e di settore d'attività. Leggi questa pagina per maggiori informazioni.