21/04/2015: PuntoSicuro presenta: TESTO UNICO DI SICUREZZA DEL LAVORO - 5ª Edizione

È disponibile da oggi il nuovissimo TESTO UNICO DI SICUREZZA DEL LAVORO, giunto alla 5ª Edizione e interamente curato dall'Avv. Rolando Dubini. Il libro è interamente dedicato al Decreto Legislativo del 9 aprile 2008 n. 81: Unico Testo Normativo per la tutela della salute e della sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

“Gli uomini che sono soffocati dalle norme non possono pianificare nuove iniziative”. 
Questa frase, tratta dal testo taoista “Wen Tzu” e che Rolando Dubini pone in apertura della nuova edizione della guida applicativa al Testo Unico di sicurezza del lavoro, sottolinea la necessità di diminuire la distanza tra la normativa e la sua applicazione, di facilitarne l’osservanza e chiarirne gli obiettivi. E questo è ancora più importante per una normativa che si occupa di tutela della salute e della sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro. Una normativa che può certo essere migliorata, ma che deve essere innanzitutto compresa.

Questa è sicuramente l’importante compito del libro di Dubini che, da questa quinta edizione, non propone il testo normativo su carta, ma dà ai lettori gli strumenti per usufruire, attraverso il sito del quotidiano online PuntoSicuro, di una normativa costantemente aggiornata. Una normativa arricchita non solo dalle continue modifiche, ma anche dai chiarimenti – interpelli, circolari, ... - che quasi quotidianamente i Ministeri producono per rispondere ai molti quesiti interpretativi.
 
Inoltre la quinta edizione del libro – 432 pagine di autorevoli commenti– si sofferma, ancor più delle precedenti edizioni, sulle responsabilità, ruoli, funzioni di tutti gli attori della sicurezza presentati nel D.Lgs. 81/2008. 
 

Partendo dall’importante articolo 2087 del codice civile, il percorso del libro affronta diritti, doveri e responsabilità innanzitutto dei lavoratori e dei datori di lavoro, anche con riferimento al documento di valutazione dei rischi, alla formazione, ai piani di emergenza, alla delega di funzioni e ai modelli organizzativi e di gestione della sicurezza. 

Molte pagine sono dedicate ai tanti altri ruoli individuati o citati dal decreto: dirigenti, preposti, responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, progettisti, fabbricanti, fornitori, installatori, medici competenti, organi di vigilanza, ... E per ogni ruolo vengono presentate non solo le novità normative successive all’emanazione del D.Lgs. 81/2008, ma gli insegnamenti che si possono ricavare dalle sentenze e dalla letteratura giurisprudenziale.
 

Un lavoro che rende dunque più facile l’utilizzo della normativa sulla sicurezza in Italia e che – seguendo il pensiero espresso nel “Wen Tzu” - libera le energie necessarie per applicarla correttamente e per elaborare un suo miglioramento futuro.

Vai alla scheda del libro


 Archivio News