PRD 100 - Personal Radiation Detector

Il dispositivo elettronico per rilevare tempestivamente la presenza di radiazioni pericolose di tipo Beta e Gamma

123,00 €

Prezzo IVA esclusa

Categoria: Attrezzature e presidi
Settore: Sicurezza sul lavoro
Giudizio:
3,1 stelle, da 113 giudizi via sondaggio
4 pz in pronta consegna


ANTEPRIMA VIDEO:  

Il dispositivo elettronico PRD 100 è un rilevatore passivo di radioattività che impiega un sensore di tipo Geiger–Müller per rilevare tempestivamente la presenza di radiazioni pericolose di tipo Beta e Gamma.
L'impiego delle più moderne tecnologie digitali ha permesso di realizzare un dispositivo di dimensioni ridotte, leggero, facile da usare e maneggiare, rapido nella rilevazione.
PRD 100 non richiede alcuna conoscenza tecnica in materia di radioattività per poter identificare e comprendere la presenza di pericoli per la salute delle persone, degli animali e dell'ambiente circostante.

Perchè nasce PRD 100
 
L'inarrestabile numero di reati per disastro ambientale riscontrati in Italia e nel mondo, che hanno visto tra i principali protagonisti le organizzazioni criminali internazionali impegnate nello smercio e nel traffico di rifiuti tossici di diversa natura (tra cui molte sostanze radioattive), ha richiamato l'attenzione sul limite delle misure di difesa del territorio per garantire una adeguata tutela della salute dei cittadini e dell'ambiente.
Le crescenti attività delle cosiddette “Ecomafie” a cui si è contrapposta una scarsa disponibilità di strumenti di controllo preventivo, una insufficiente rilevazione dei pericoli nel territorio, un limitato know how e carente cultura tra gli addetti ai lavori impegnati nella raccolta, trasporto e stoccaggio/alienazione di sostanze e materiali sapientemente miscelati con rifiuti tossici, dei limiti legislativi e carenza di risorse umane dedicate alla prevenzione, una terribile omertà di chi era informato dei fatti, hanno esposto nel corso degli ultimi decenni i lavoratori, i cittadini e persino il personale delle forze dell'ordine a molteplici rischi per la salute.

In molti casi – lo dicono purtroppo le statistiche e le cronache – i rischi si sono trasformati in danni irreparabili per la salute delle persone, disastri per il territorio con conseguenti ripercussioni sul piano economico e sociale.
I quotidiani, i magazine, i telegiornali riportano periodicamente notizie di “casuali” ritrovamenti di sostanze pericolose come eternit, diossine, pcb, idrocarburi clorurati, …. ed inoltre vengono menzionati diversi episodi di ritrovamento di scorie radioattive e materiali contaminati che creano preoccupazione e ragionevole allarmismo tra le persone. Nessuno fino ad ora ha voluto dare delle risposte concrete alle domande dei cittadini: dove? quanto? è pericoloso anche per me? le autorità lo sanno? quante altre persone lo sanno? cosa possiamo fare? chissà quanta altre sostanze ci saranno?
Oltre a questi problemi, sono da segnalare anche numerosi casi di ritrovamento di beni immessi sul mercato e destinati ai “consumatori” finali e riscontrati radioattivi nel corso di alcuni controlli a campione effettuati nei depositi, nei punti vendita, nelle abitazioni:
  • Cibi e bevande, freschi e prodotti conservati (insaccati prodotti con animali selvatici, funghi, frutti di bosco surgelati, marmellate e conserve, pesce, carne, verdure a foglia verde)
  • Giocattoli nei vari materiali plastici e metallici
  • Utensili ed accessori per la cucina (posate, accessori per la cucina, pentole, mestoli, passaverdure, pentolini)
  • Oggetti da collezione (sveglie, orologi, piatti, porcellane)
  • Vernici
  • Palline da golf
  • Proiettili
  • Tondini per costruzioni in cemento armato
  • Materiali da costruzione come tufo, granito, cementi speciali
  • Pellet per stufe (prodotto con legname contaminato)
  • Legname da costruzione, legname da ardere e manufatti in legno (contaminato)
  • Oggetti in ceramica (es. denti, protesi, ecc...)
  • Componenti in metallo prodotti impiegando materiali ferrosi provenienti da parti di armamenti contaminati, navi, centrali nucleari, sottomarini, ...
  • Utensili per saldatura
  • Utensili in vetro
  • Minerali da collezione
  • Oggetti contenenti piombo (non puro)
  • Rilevatori di fumo e rilevatori di gas (alcune tipologie)
  • Sigarette e Tabacco
  • Fertilizzanti
  • Piastrelle in ceramica (specialmente nei colori blu, rosso, arancione)
  • Lettiera per gatti
  • Lenti per macchine fotografiche e per apparati di videoripresa
  • Oggetti con vernice luminescente
 
Quando impiegare il rilevatore PRD 100
 
PRD 100 è stato concepito per essere utilizzato dai privati cittadini e dagli addetti ai lavori con la stessa semplicità con la quale si utilizza un rilevatore di cavi elettrici o condutture metalliche prima di forare una parete domestica, con la stessa facilità di lettura di un termometro per rilevare la febbre, la stessa rapidità nella risposta di un rilevatore di frequenza cardiaca utilizzato durante la pratica delle attività sportive.
 
PRD 100, strumento progettato per un uso quotidiano e per un impiego su larga scala, è necessario per rendere tempestiva e capillare la rilevazione di pericoli per la salute pubblica ed è atto a favorire interventi mirati e precisi da parte delle autorità e dei tecnici preposti ai controlli e agli interventi di emergenza sul territorio.
 
 
Come si utilizza il rilevatore PRD 100
 
PRD 100 è un innovativo sensore con tecnologia digitale che segnala la presenza di fonti di radiazioni di tipo beta e gamma ed avverte della presenza di oggetti radioattivi, sostanze o altri materiali contaminati che emettono radiazioni potenzialmente pericolose per la salute. L'accensione dell'unità avviene per mezzo dell'apposito pulsante posto nella parte superiore. E' possibile rilevare e riconoscere entro pochi secondi la presenza di radiazioni pericolose, semplicemente avvicinando la parte inferiore del rilevatore ad un materiale e/o oggetto da controllare.
Dei segnali luminosi prodotti dai led di colore arancione e rosso, presenti nella parte superiore del rilevatore, mostrano l'assenza o la presenza di pericoli, dal più basso al più alto livello di minaccia, in proporzione al numero di led accesi ed in base al loro colore.
Le soglie del rilevatore PRD 100 prevedono l'accensione della barra di led in corrispondenza dei valori 50, 100, 200, 400 CPM (conteggio di impulsi al minuto).
Il valori compresi tra 0 e 100 CPM rientrano, generalmente, nelle condizioni di normalità e corrispondono alla radiazione naturale di fondo dell'ambiente. Valori riscontrati superiori a 100 CPM generalmente segnalano la presenza di sorgenti radioattive pericolose che richiedono ulteriori controlli e approfondimenti e la tempestiva notifica alle autorità di sicurezza.
Un buzzer interno consente all'utente di percepire, anche attraverso dei suoni, il conteggio degli impulsi, come avviene nei contatori geiger per impieghi militari. Un distinto led rosso lampeggia in modo sincrono con il conteggio degli impulsi.
 
La sicurezza del prodotto e del suo utilizzo
 
Il rilevatore PRD 100 è una apparecchiatura elettronica intrinsecamente sicura, funzionante con bassissima tensione ( ELV / extra-low-voltage), alimentata con batterie stilo di tipo 3 x AA (3x1,5 Volt). Il dispositivo funziona sia con batterie ricaricabili che con batterie alcaline usa e getta.
PRD 100 è stato progettato e viene prodotto in conformità ai requisiti essenziali in ordine alla salute e sicurezza dell'utilizzatore. Il dispositivo è dotato di marcatura CE e viene prodotto in Italia. Il prodotto e le sue componenti sono rispondenti a tutte le disposizioni comunitarie che prevedono la commercializzazione, utilizzo e smaltimento secondo la Direttiva Europea 2011/65/EU (Direttiva RoHS 2).
 
Rileva, Leggi e Condividi i controlli effettuati
 
L'interfaccia Bluetooth a bordo del dispositivo consente il collegamento wireless del rilevatore PRD 100 con terminali portatili come Smartphone, Tablet, Notebook o altri apparati Android, per effettuare una serie di operazioni avanzate, qualora si richiedano degli approfondimenti sui valori rilevati ed occorra produrre della documentazione dei controlli eseguiti (materiale fotografico, posizione gps con relativa mappa, data, ora, grafici, ….).
Grazie alla presa ausiliaria (standard micro USB), il dispositivo è inoltre collegabile ad una fonte di alimentazione esterna per effettuare delle rilevazioni prolungate senza la necessità di sostituire periodicamente le batterie interne.
In condizioni funzionali normali le batterie interne garantiscono un uso ininterrotto del dispositivo per circa 48 ore.
 
Categoria:Attrezzature e presidi
Settore:Sicurezza sul lavoro
Produzione:I.T.S.
Peso spedizione:0,20 KG
Codice:APRD01
Disponibilità:Immediata
Prezzo: 123,00 €
IVA:22%
Anteprima video:
Anteprima PDF:
Condividi su:

Commenti dei clienti:


Nessun commento è ancora presente.
Nickname:
E-Mail (solo per ricevere le risposte)
Inserisci il tuo commento: